La Mamma Immacolata

Ave Maria!


Il
dono dell’Immacolata:


la
Medaglia Miracolosa














La
Mamma Immacolata


È
stato detto che
la Medaglia miracolosa è un “piccolo libro di fede” e un “piccolo
trattato di mariologia”.

Perché? Perché basta esaminare con attenzione la medaglina cosÒ
com’è, e leggervi le grandi verità che esprime nel suo disegno la potenza
e la misericordia di Maria Madre Divina, Immacolata, Mediatrice, Corredentrice e
Regina.

E adesso noi vogliamo meditare brevemente su queste pagine grandi verità che
riguardano la storia della salvezza e che ci faranno apprezzare ancor più
questa cara medaglina.



Maria, la Madre tenerissima



Ricordiamo la prima apparizione a S. Caterina? La Madonna predice le sciagure
dei suoi figli, e piange su di essi fino a non poter più parlare. La sua tenerezza
materna e la sua premura affettuosa appaiono davvero commoventi. Ella è partecipe
dei travagli in cui si dibattono e si perdono i figli. Promette la sua speciale protezione,
e, infine, annuncia a Suor Caterina una missione particolare che intende affidarle
per aiutare gli uomini a salvarsi e a ottenere grazie.

Il primo significato del dono della Medaglia miracolosa è proprio questo:
la Madre tenerissima vede i figli tra i pericoli e offre loro un mezzo di grazia
che li scampi dal male e li richiami al bene.

Per questo la medaglina è un dono della Celeste Madre, è un dono di
grazia materna. E tutte le grazie che la medaglina ha ottenuto e otterrà portano
questo sigillo della premura materna che la Madonna ha verso di noi suoi figli.

Moribondi risanati, peccatori convertiti, soldati che scampano la morte, tumori scomparsi,
tentazioni fugate, pericoli sventati, aiuti insperati e mille e mille altre grazie,
fanno della Medaglia miracolosa il segno concreto della cura tenerissima che la Mamma
Celeste ha per le anime e i corpi degli uomini. Chi non ne ha fatto l’esperienza,
la faccia. E non resterà certamente deluso.

Soprattutto per le conversioni, la Medaglia è stata feconda in maniera eccezionalmente
miracolosa. Oltre la conversione di Alfonso Ratisbonne, già descritta
all’inizio di questo libretto, amiamo ricordare un’altra delle tante capitate a San
Massimiliano M. Kolbe.



Signore, si confessi”



Quando P. Kolbe si trovava a Zakopane fece la conoscenza di un certo intellettuale.

Ad ogni incontro lo pregava “Signore, si confessi. Ma quegli
soleva rispondere: “Nulla da fare, Reverendo; la rispetto, Padre, ma non andrò
a confessarmi, forse un’altra volta…”. Dopo alcune settimane, questo signore,
prima di partire, venne da P. Kolbe per accomiatarsi. Le ultime parole di P. Massimiliano
furono: “Signore, vada a confessarsi….

“La prego, Reverendo, non ho tempo, devo andare in fretta alla stazione”.

Allora accetti almeno questa Medaglia miracolosa“.

Il signore accettò per cortesia la medaglietta e si recò subito alla
stazione ferroviaria. Intanto P. Massimiliano cadde in ginocchio per implorare dall’Immacolata
la conversione dell’ostinato.

Oh, meraviglia! dopo un istante qualcuno bussa alla porta ed entra il medesimo signore
che aveva tanta fretta di prendere il treno. Sin dalla soglia esclama “Padre,
la prego di confessarmi
“!.



Maria, l’Immacolata



L’Immacolata è Colei che non solo non è stata neppure sfiorata
dal peccato, ma ha schiacciato con il suo piede la testa al maligno (Gen. 3,15).

CosÒ ci appare la Madonna sulla medaglia: è l’Immacolata che schiaccia
la testa al serpente.

I due millenni della Chiesa hanno sempre celebrato l’originale purezza della Madre
di Dio, in opposizione irriducibile al peccato che offende Dio. L’Immacolata, Colei
che è la “Piena di grazia” (Lc 1,28), con il peso divino
della sua pienezza di grazia ha battuto vittoriosamente il seduttore del genere umano,
e vuol donare agli uomini la stessa forza di battere il nemico.

Attorno alla medaglina, poi, si leggono le parole “O Maria concepita senza
peccato, pregate per noi che ricorriamo a Voi
“. L’immagine e le parole coincidono
la figura dell’Immacolata rappresenta Colei che è stata concepita senza peccato,
schiacciando la testa al demonio.

Siamo nel 1830. Soltanto 24 anni dopo, il Papa Pio IX dichiarerà come dogma
di fede della Chiesa universale la verità dell’Immacolata Concezione di Maria.
Non è certamente difficile ammettere che l’apparizione dell’Immacolata a S.
Caterina e la diffusione prodigiosa della Medaglia in tutto il mondo siano servite
ottimamente a preparare e ad affrettare la definizione dogmatica della verità
dell’Immacolata Concezione, allo stesso modo che Lourdes, quattro anni dopo la solenne
proclamazione del dogma, ne fu la singolare conferma.



Io sono l’Immacolata Concezione”



(Quando il 25 marzo 1858 la Vergine Maria si rivelò a S. Bernardetta Soubirous
e le disse “Io sono l’Immacolata Concezione“, la piccola Bernardetta,
raccontando l’apparizione disse “La Signora stava in piedi sul rosaio e si
mostrava nell’atteggiamento della Medaglia miracolosa
“. La stessa S. Bernardetta
portava al collo una grande medaglia di rame, uguale, almeno nel disegno della parte
interiore, al modello della Medaglia miracolosa.

Da ciò vediamo bene quanto siano importanti e significativi, nello sviluppo
storico del dogma dell’Immacolata, le apparizioni della Madonna a S. Caterina Labouré.
C’è una corrispondenza evidente fra le apparizioni dell’Immacolata a S. Caterina
e quelle a S. Bernardetta basti riflettere che la piccola veggente di Lourdes, per
mostrare l’atteggiamento che aveva la sua “bianca Signora” non seppe trovare
di meglio che rassomigliarla alla Madonna della Medaglia miracolosa.

Infatti, con il diffondersi rapidissimo della Medaglia miracolosa, la gente imparò
a contemplare la Vergine Maria nell’atto che schiaccia la testa al serpente e ad
invocarla “O Maria concepita senza peccato, pregate per noi che ricorriamo
a Voi”.

Per questo, l’8 dicembre 1854, il Papa Pio IX non faceva che ratificare e confermare
una verità che tutto il popolo cristiano amava e in cui credeva fermamente
già da oltre venti anni, infatti, giravano per tutto il mondo milioni e milioni
di Medaglie miracolose.



Gli schiaccia la testa



Nella sua bellezza celestiale, l’Immacolata, “vestita di sole e con la
luna sotto i piedi
” (Ap. 12,1), è “terribile come un esercito
schierato in campo
” (Ct. 6,3). Ella è realmente terrore dei demoni.
E la totale sconfitta di satana fu decretata da quella prima maledizione di Dio,
il quale pose inimicizia tra il serpente e la Madonna, tra la stirpe di lui e la
stirpe di Lei, con la finale vittoriosa



Essa ti schiaccerà il capo” (Gen. 3,15).



Attraverso la Medaglina, quante volte è balzata fuori questa verità
dell’onnipotenza dell’Immacolata contro i demoni! Si potrebbero riferire molti episodi,
ma ci limitiamo a due soltanto, ambedue molto significativi.



Ho solo partecipato a un ballo



Una giovane andata a confessarsi dal Santo Curato d’Ars si accusò di aver
solo partecipato ad un ballo.



-Non avete notato nulla, a quel ballo? – le chiese il Santo.

-No, Padre.

-Non c’era un giovanotto brillante, che ha fatto ballare tutte le ragazze, meno voi?


-Mi ricordo: era molto attraente, ma mi incuteva un po’ di paura.

-E null’altro ?

-No: quando uscì, scorsi le scintille sotto i suoi piedi.

-Ora ci siamo, figliola mia. Quel giovanotto elegante era il diavolo. E sapete dirmi
perché non vi ha invitata a ballare con lui?

-Non so.

-Perché portate al collo la “Medaglia Miracolosa”, che lo ha tenuto
lontano.



Un caso di possessione



Ecco un altro episodio che testimonia sempre di più la veridicità
della promessa della Madonna.

Una vedova cinese aveva un unico figlio che amava con tutta se stessa. Ma un brutto
giorno il demonio si impossessò di lui. Vagava il povero figliolo di qua e
di là senza trovare pace; tutti lo fuggivano proprio come quell’ossesso di
cui ci parla il Vangelo. Un cristiano, che venne a sapere del fatto, volle aiutare
quel giovane e consolare la madre disperata. Aveva con sé una Medaglia miracolosa;
la prese in mano e la mostrò al giovane ossesso il quale immediatamente fu
liberato dal demonio, per la potenza della Vergine Immacolata raffigurata in quella
Medaglia.










Precedente

Indice di

«La medaglia miracolosa»


Prossima