«transustanziare» entra la prima volta in un documento solenne del magistero

Oblatio munda

Concilio
Laterano IV

(novembre 1215)









Una delle ragioni
che spinsero Innocenzo III ad indire questo concilio fu la difesa della fede contro
gli attacchi dei contemporanei; per questo, oltre a sottolineate gli articoli pubblicamente
contraddetti dai catari e dai valdesi, quali la validità dei sacramenti amministrati
da un sacerdote indegno, il concilio compose una professione completa di fede, di
una estrema precisione teologica, dove il termine «transustanziare» entra
la prima volta in un documento solenne del magistero per significare la tradizionale
certezza della Chiesa nella presenza reale.

TESTO: M 22, 982;
COD 230








Una vero est fidelium
universalis Ecclesia, extra quam nullus omnino salvatur, in qua idem ipse sacerdos
est sacrificium Iesus Christus, cuius corpus et sanguis in sacramento altaris sub
speciebus panis et vini veraciter continentur, transsubstantiatis pane in corpus,
et vino in sanguinem potestate divina: ut ad perficiendum mysterium unitatis accipiamus
ipsi de suo, quod accepit ipse de nostro. Et hoc utique sacramentum nemo potest conficere,
nisi sacerdos, qui rite fuerit ordinatus, secundum claves Ecclesiae, quas ipse concessit
Apostolis eorumque successoribus Iesus Christus
Una, inoltre, è
la chiesa universale dei fedeli, fuori della quale nessuno assolutamente si salva.
In essa lo stesso Gesù Cristo è sacerdote e vittima, il suo corpo e
il suo sangue sono contenuti realmente nel sacramento dell’altare, sotto le specie
del pane e del vino, transustanziati il pane nel corpo, il sangue nel vino per divino
potere; cosicché per adempiere il mistero dell’unità, noi riceviamo
da lui ciò che egli ha ricevuto da noi.

Questo sacramento non può compierlo nessuno, se non il sacerdote, che sia
stato regolarmente ordinato, secondo i poteri della chiesa che lo stesso Gesù
Cristo concesse agli apostoli e ai loro successori.






testo tratto
da: J. COLLANTES a c. di, La fede della Chiesa cattolica. Le idee e gi uomini
nei documenti del Magistero
, Città del Vaticano 1993, pp. 743, 395.