Il segreto del Rosario (1ª parte)

L'eterna Sapienza

S.
Luigi Maria Grignion de Montfort

«IL SEGRETO AMMIRABILE DEL SANTO ROSARIO

PER CONVERTIRSI E SALVARSI»







 


INDICE


Introduzione



Prima
decina: Eccellenza del santo Rosario nell’origine e nel nome (n. 9)




Seconda
decina: Eccellenza del santo Rosario nelle preghiere che lo compongono (n. 34)




Terza
decina: Eccellenza del santo Rosario nella meditazione della vita e Passione di Cristo
(n. 60)




Quarta
decina: Eccellenza del santo Rosario nelle meraviglie operate da Dio in suo favore
(n. 98)




Quinta
decina: Modo di recitare santamente il Rosario (n. 116)



INTRODUZIONE



ROSA BIANCA

AI SACERDOTI


[1] Ministri dell’Altissimo,
predicatori della verità, araldi del Vangelo, permettete che vi presenti la
rosa bianca di questo piccolo libro per mettervi nel cuore e sulle labbra le verità
in esso esposte con semplicità e senza pretese. Nel cuore, affinché
voi stessi intraprendiate la pia pratica del Rosario e ne gustiate i frutti. Sulle
labbra, perché comunichiate agli altri la sua eccellenza e con tale mezzo
li possiate convertire.

Guardatevi, ve ne prego, dal considerare questa santa pratica piccola e di poca importanza,
come sogliono fare gli ignoranti e molti dotti orgogliosi; essa è veramente
grande, sublime, divina. Il cielo stesso ce l’ha data, e l’ha data proprio per convertire
i peccatori più induriti e gli eretici più ostinati. Dio le ha annesso
la grazia in questa vita e la gloria nell’altra. I santi l’hanno messa in atto ed
i sommi Pontefici l’hanno autorizzata.

Felice il sacerdote e direttore d’anime al quale lo Spirito Santo ha rivelato questo
segreto che la maggior parte degli uomini non conosce o conosce molto superficialmente!
Se egli ne avrà una concreta conoscenza lo reciterà ogni giorno e lo
farà recitare agli altri. Dio e la sua santa Madre gli verseranno nell’anima
grazie in abbondanza per far di lui strumento della loro gloria; con la sua parola,
sia pure disadorna, otterrà più frutto in un mese che gli altri predicando
in parecchi anni.



[2] Cari confratelli, non contentiamoci dunque di consigliarlo agli altri; dobbiamo
recitarlo noi stessi. Se, pur convinti in teoria dell’eccellenza del santo Rosario,
non lo recitiamo noi per primi, gli altri daranno ben poca importanza a quanto consiglieremo
perché nessuno può dare ciò che non ha. Gesù fece
ed insegnò
(At 1 1): imitiamo Cristo Gesù che prima fece
e poi insegnò. Imitiamo l’Apostolo che conosceva e predicava soltanto Gesù,
il Cristo Crocifisso. Noi lo faremo predicando il santo Rosario che, come vedrete
in seguito, non è una serie di Pater e di Ave ma un compendio
divino dei misteri della vita, della passione, della morte e della gloria di Gesù
e di Maria.

Se sapessi che l’esperienza personale concessami dal Signore circa l’efficacia della
predicazione del Rosario per convertire le anime, potesse persuadervi a divenirne
apostoli, nonostante la tendenza contraria dei predicatori, vi racconterei le conversioni
meravigliose che ho ottenuto predicando il Rosario; ma mi limito a riferirvi, in
questo compendio, qualche fatto antico e ben provato. Solo ho inserito, per vostra
utilità, parecchi testi latini, presi da buoni autori, che comprovano ciò
che spiego al popolo in lingua Volgare.


ROSA
ROSSA

AI PECCATORI


[3] A voi, peccatori e
peccatrici, uno più peccatore di voi offre questa, rosa, arrossata dal Sangue
di Gesù Cristo per ornarvene e salvarvi.

Empi e peccatori impenitenti gridano continua-mente: Coroniamoci di rose (Sap 2,8).
Anche noi cantiamo: coroniamoci con le rose del santo Rosario.

Ma quanto sono diverse le loro rose dalle nostre, Le loro sono i piaceri carnali,
i vani onori, le ricchezze caduche che presto saranno appassite è corrotte;
le nostre, invece, sono i Pater e Ave recitati bene e accompagnati da buone
opere di penitenza, e non appassiranno né mai s’infradiceranno. Tra cento,
mille anni la loro bellezza splenderà come oggi.

Le loro tanto decantate rose hanno solo l’apparenza di rose: in realtà sono
spine che pungono con il rimorso durante la vita, che trafiggono col pentimento all’ora
della morte, che bruciano per tutta l’eternità nell’ira e nella disperazione.
Se le nostre rose hanno spine, queste sono spine di Gesù che egli tramuta
in rose. Se le nostre rose pungono, esse pungono solo per qualche istante, unicamente
per guarirci dal peccato e per salvarci.



[4] Facciamo a gara per coronarci con queste rose del paradiso, recitando ogni giorno
un Rosario, cioè tre corone di cinque decine ciascuna: 1) per onorare le tre
corone di Gesù e di Maria: la corona di grazia di Gesù nell’incarnazione,
la sua corona di spine nella passione, la sua corona di gloria in cielo, e la triplice
corona che Maria ha ricevuto in cielo dalla SS. Trinità; 2) per ricevere da
Gesù e da Maria tre corone: la corona di meriti in questa vita, la corona
di pace in morte, la corona di gloria in paradiso.

Se sarete fedeli a recitarlo devotamente fino alla morte, nonostante l’enormità
delle vostre colpe, credetemi: riceverete la corona di gloria che non appassisce
(1 Pt 5,4). Anche se vi trovate sull’orlo dell’abisso, o con un piede
nell’inferno, se avete perfino venduto l’anima al diavolo come uno stregone, o siete
un eretico indurito e ostinato come un demonio, presto o tardi vi convertirete e
vi salverete purché – lo ripeto e notate bene i termini del mio consiglio
– diciate devotamente ogni giorno fino alla morte il santo Rosario, per conoscere
la verità ed ottenere la contrizione ed il perdono dei vostri peccati. Troverete
in questo libro parecchi esempi di grandi peccatori convertiti per virtù del
santo Rosario. Leggeteli e meditateli.

Dio solo.


ROSAIO
MISTICO

ALLE ANIME PIE


[5] Anime devote ed illuminate
dallo Spirito Santo, non vi dispiaccia ch’io vi offra un piccolo rosaio mistico,
venuto dal cielo, perché lo trapiantiate nel giardino della vostra anima;
esso non nuocerà ai fiori odorosi delle vostre contemplazioni. E’, molto profumato
e tutto divino: non guasterà affatto l’ordine delle vostre aiuole: purissimo
e ben ordinato esso porta tutto all’ordine e alla purezza. Se ogni giorno lo si innaffia
e lo si coltiva a dovere, cresce ad altezza prodigiosa e si estende tanto che non
solo non ostacola tutte le altre devozioni, ma le conserva e le perfeziona. Voi che
siete spirituali mi capite! Questo rosaio è Gesù e Maria nella vita,
nella morte, nell’eternità.



[6] Le verdi foglie di questo rosaio esprimono i misteri gaudiosi di Gesù
e di Maria; le spine, i dolorosi; e i fiori, quelli gloriosi. Le rose in bocciolo
ricordano l’infanzia di Gesù e di Maria, le rose sbocciate rappresentano Gesù
e Maria nella sofferenza, le rose completamente schiuse mostrano Gesù e Maria
nella gloria e nel loro trionfo. La rosa rallegra con la sua bellezza: ecco Gesù
e Maria nei misteri gaudiosi; punge con le sue spine: eccoli nei misteri dolorosi;
dà gioia con la soavità del profumo: eccoli infine nei misteri gloriosi.

Non disprezzate, dunque, la mia pianticella rigogliosa e divina; piantatela voi stessi
nella vostra anima prendendo la risoluzione di recitare il Rosario; coltivatela ed
innaffiatela recitandolo fedelmente ogni giorno, accompagnandolo con opere buone.
Vi accorgerete che questo seme, ora all’apparenza tanto piccolo, diventerà
col tempo un grande albero, dove gli uccelli del cielo, cioè le anime predestinate
e di alta contemplazione, faranno il loro nido e la loro dimora. Sotto la sua ombra
saranno protette dagli ardori del sole, sulle sue cime troveranno difesa dalle bestie
feroci della terra e scopriranno un delicato nutrimento nel suo frutto, l’adorabile
Gesù al quale sia ogni onore e gloria nei secoli dei secoli. Amen. Così
sia.

Dio solo.


BOCCIOLO
DI ROSA

AI BAMBINI


[7] A voi bambini, offro
un bel bocciolo di rosa. E’, uno dei piccoli grani della vostra corona che a voi
sembra una cosa da poco. E invece quant’è prezioso questo grano! quanto è
ammirabile questo bocciolo! e come si aprirà interamente se recitate con devozione
l’Ave Maria! Consigliarvi di recitare un rosario tutti i giorni sarebbe domandarvi
l’impossibile; ma almeno dite con molta attenzione e ogni giorno la corona di cinque
decine che e come una ghirlanda di rose che ponete in capo a Gesù e a Maria.
Datemi retta. Ed ora ascoltate questa bella storia e non dimenticatela.



[8] Due sorelline stavano sull’uscio di casa a recitare devotamente il rosario, quando
apparve una bella Signora che avvicinatasi alla più piccola, di circa sette
anni, la prese per mano e la condusse con sé. La sorella maggiore, meravigliata,
ne va alla ricerca, non la trova e rientra piangente in casa per avvertire che hanno
rapito la sorella. Il papà e la mamma la cercano inutilmente per tre giorni,
fin che alla sera del terzo giorno la trovano sulla soglia di casa. Era lieta in
volto e festosa. Le chiedono da dove venga ed ella risponde che la Signora, alla
quale diceva il suo Rosario, l’aveva condotta in un bel luogo, le aveva dato cose
buone da mangiare e le aveva deposto sulle braccia un grazioso bambino, al quale
lei aveva dato tanti baci. I genitori, da poco convertiti alla fede, chiamano il
padre gesuita che li aveva istruiti nella fede e nella devozione al Rosario e gli
raccontano l’accaduto. Da lui stesso abbiamo appreso questo fatto avvenuto nel Paraguay
(ANTOINE BOISSIEU, S.J., Le chrétien prédestiné par la dévotion
à la Ste Vierge,
p. 752; QN, pp. 189-190).

Bambini, imitate le due sorelline; come loro recitate ogni giorno il Rosario e meriterete
di andare in paradiso, di vedere Gesù e Maria, se non proprio in questa vita,
certo dopo la morte per tutta l’eternità. Così sia.



Che i sapienti e gli ignoranti, i giusti e i peccatori, i grandi e i piccoli lodino,
dunque, e salutino giorno e notte Gesù e Maria col santo Rosario. «Salutate
Maria che ha faticato molto per voi
»(Cf Rm 16,6).






















Indice delle opere di S. Luigi di Montfort


Indice di altre pagine

su Maria SS.ma


Indice di Il combattimento spirituale






precedente


Indice
di «Il segreto ammirabile del S.Rosario»


prossima