Esame circa: CARITÀ FRATERNA

Pregate, Pregate, Pregate!

PRATICA
DELL’ESAME DI COSCIENZA









S.Teresa di Gesù Bambino


Sono
stata buona, oggi? Il Signore è contento di me?… E gli Angeli, mi voleranno
intorno?

(S.Teresina all’età di quattro anni, tutte le sere rivolgeva alla sorella
Paolina questa domanda)




III. ITINERARI DI ESAME PARTICOLARE SULLE VIRTÙ E BUONE ABITUDINI DA ACQUISTARE


47
– CARITÀ FRATERNA


  • La vera
    carità è fondata sul sacrifizio di noi stessi; di qui la sua difficoltà.
    Però Gesù ce l’ha data come comandamento suo (Gv 13, 34), come
    segno caratteristica per riconoscere i suoi discepoli (Gv 13, 35); sulla carità
    fonda la sentenza al Giudizio estremo (Mt 25, 40).

  • I peccati
    contrari sono facilmente gravi; e, se ledono anche la giustizia esigono una riparazione,
    la quale diventa assai difficile, quando si è macchiato l’onore e la riputazione
    altrui, con maldicenze, calunnie e insinuazioni maligne, perché i peccati
    contro la carità, si fanno per lo più con la lingua.

  • Bisogna
    guardarsene con ogni cura, e praticare la grande virtù cristiana della carità,
    in pensieri, parole e opere.

  • La carità
    copre la moltitudine dei peccati (1 Pt 4, 8).

  • Non
    pensate ai difetti degli altri; pensate piuttosto, alle loro virtù e ai vostri
    difetti. S. TERESA.

  • Giudica
    gli altri come desideri che gli altri giudichino te. (S. Isidoro)

  • Scusa
    l’intenzione, se non puoi scusare l’azione (S. Bernardo, Serm. 40).

  • Chi
    bene e rettamente esaminasse le sue azioni, sarebbe più indulgente nel giudicare
    gli altri (II Imit., 5, 1).

  • I gradi
    di santità si misurano coi gradi di carità. Una carità incipiente,
    corrisponde alla santità appena abbonata; una carità crescente, alla
    santità già adulta; una carità grande, a una santità
    ugualmente grande, una carità perfetta a una consumata santità… (S.
    AGOSTINO).

Indicazioni
per i vari ESERCIZI



I ESERCIZIO

1 – Ho
detto parole pungenti, indelicata o comunque penose a confratelli, alunni, altri?

2 – Quante volte ho dato incomodo ad altri, senza vera necessità?

3 – Quante volte ho trattato familiarmente i Fratelli, dando del «tu»,
toccandoli, scherzando?

4 – Dopo una mancanza di riguardo, ho saputo chiedere scusa?

5 – Ho sopportato stranezze, difetti di carattere, atti d’impazienza di altri, senza
rimproverarli loro? (Vittorie),

6 – Quante volle ho investigato, giudicato, condannato le azioni degli altri? Ho
riferito ad altri, i sospetti uditi?

II
ESERCIZIO

1. Ho
saputo coprire le imperfezioni altrui col velo della carità?

2. Quante volte, oggi, ho rifiutato di rendere servizio, ovvero ho fatto soffrire
qualcuno?

3. Ho sopportato con umiltà gl’incomodi, i difetti, le ironie degli altri?

4. Quante volte, nel rendere un servizio, ho avuto in mira Nostro Signore stesso?

5. Conservo nel cuore dei rancori o della ruggine contro qualcuno? Ho evitato di
parlargli, o di rendergli qualche servizio?

6. Ho parlato sempre in bene degli altri, giustificandoli, specialmente quando erano
assenti?

III
ESERCIZIO

1. Mi
sono permesso burle, motteggi, scimmiottature, spiritosaggini, a danno di altri?

2. Ho coltivato nell’animo mio qualche segreto sentimento di gelosia, per altri?

3. In quali circostanze odierne ho preferito gli interessi degli altri, ai miei?
(Occasioni mancate).

4. Ho coltivato in me qualche affetto particolare, tanto pericoloso per la virtù?

5. Ho raccolto e diffuso maldicenze, divulgando cose ignorate, esagerando le vere,
inventando le false?

6. Ho dato qualche cattivo consiglio od esempio, scandalizzando altri?

IV
ESERCIZIO

1. Nelle
conversazioni odierne ho contraddetto, interrotto altri?

2. Ho intralciato la via ad altri, ostacolando i loro disegni e desideri?

3. Mi sono sforzato di pensare alle buone qualità di quelle persone per cui
sento antipatia; e di allontanare ogni pensiero a loro sfavorevole?

4. Oggi mi sono prestato per i bisognosi, i malati, i vecchi? (Occasioni perdute).

5. Ho pregato, e mi sono sacrificato. oggi per qualche intenzione di apostolato?
(Infedeli, peccatori, moribondi. Anime purganti…).

6. Ho esercitato intorno a me l’apostolato dell’esempio, per attirare anime a Dio?
(Occasioni perdute).










PRECEDENTE


INDICE DI

«PRATICA DELL’ESAME DI COSCIENZA»


PROSSIMA