Dell’amore al proprio disprezzo (CORONELLA DELLE CINQUE PIAGHE)

Combattimento spirituale

«DELL’AMORE
AL PROPRIO DISPREZZO»

DEL SERVO DI DIO

P. GIUSEPPE IGNAZIO FRANCHI d’O.












CORONELLA

delle cinque Piaghe di Gesù Crocifisso

Signor
mio Gesù Cristo, io adoro la Piaga del vostro piede sinistro. Vi ringrazio
di averla per me sofferta con tanto dolore, e con tanto amore. Compatisco la pena
vostra, e della vostra afflitta Madre. E per il merito di questa santa Piaga vi prego
a concedermi il perdono dei peccati miei, dei quali con tutto il cuore mi pento sopra
ogni male, per essere state offese della vostra infinita bontà. María
addolorata, pregate Gesù per me.



Pater, Ave, e Gloria.

Per
le piaghe che soffristi,

Gesù mio, con tanto amore

E con tanto tuo dolore,

Abbi, o Dio, di me pietà.

Signor
mio Gesù Cristo, io adoro la Piaga dei vostro piede destro. Vi ringrazio di
averla per me sofferta con tanto dolore, e con tanto amore. Compatisco la pena vostra,
e della vostra afflitta Madre. E per il merito di questa santa Piaga vi prego a darmi
forza di non cadere per l’avvenire in peccato mortale, ma di perseverare in grazia
vostra sino alla morte. Maria addolorata, pregate Gesù per me. Pater etc.
Per le piaghe etc. come sopra.



Signor mio Gesù Cristo, io adoro la Piaga della vostra mano sinistra. Vi ringrazio
di averla per me sofferta con tanto dolore, e con tanto amore. Compatisco la pena
vostra, e della vostra afflitta Madre. E per il merito di questa santa Piaga vi prego
a liberarmi dall’inferno tante volte da me meritato, dove non potrei amarvi più.
Maria addolorata, pregate Gesti per me. Pater etc.



Signor mio Gesù Cristo, io adoro la Piaga della vostra mano destra. Vi
ringrazio di averla per me sofferta con tanto dolore, e con tanto amore. Compatisco
la pena vostra, e della vostra afflitta Madre. E per il merito di questa santa Piaga
vi prego a donarmi la gloria del Paradiso, dove vi amerò perfettamente, e
con tutte le mie forze. Maria addolorata, pregate Gesti per me. Pater etc.



Signor mio Gesù Cristo, io adoro la Piaga del vostro costato. Vi ringrazio
di aver voluto anche dopo la morte soffrire quest’altra ingiuria, senza dolore sì,
ma con sommo amore. Compatisco l’afflitta vostra Madre, che fu sola a sentirne tutta
la pena. E per il merito di questa sacra Piaga, vi prego a concedermi il dono del
vostro santo amore, acciocché io vi ami sempre in questa vita, per venire
poi nell’altra ad amarvi alla svelata eternamente in Paradiso. Maria addolorata pregate
Gesù per me. Pater etc.







precedente


Indice di «L’amore al proprio disprezzo»