Breve introduzione alla devozione al S. Cuore di Gesù

S. Cuore di Gesù

Il
sacro Cuore di Gesù


Una delle
devozioni più diffuse tra il popolo cristiano è la devozione al sacro
Cuore di Gesù. Non si tratta tuttavia di una devozione fra tante, perché
è stata rivestita dalla Chiesa di una dignità tutta particolare e si
situa al centro della rivelazione cristiana.

Il documento guida in materia è certamente l’enciclica di Pio XII,
Haurietis
aquas

(Attingerete alle acque) del 15 maggio 1956, testo che andrebbe letto e meditato
per intero. Questa devozione – contenuta in germe nella Sacra Scrittura, approfondita
dai santi Padri, dai Dottori della Chiesa e dai grandi mistici medioevali – ha avuto
un particolare incremento e la sua configurazione odierna in seguito alle apparizioni
di Gesù Cristo a santa Margherita Maria Alacoque
, nel monastero di Paray-le-Monial,
a partire dal 27 dicembre 1673.

Da allora, superate numerose difficoltà teologiche e liturgiche, si è
diffusa rapidamente fra tutte le categorie del popolo cristiano, mentre la Chiesa
la ha elevata alla dignità liturgica di «solennità». In
effetti essa rappresenta il centro della spiritualità cristiana e la chiave
di comprensione insieme più semplice e più profonda di tutta quanta
la storia della salvezza.

Non è un caso che le apparizioni a santa Margherita Maria si situino nel momento
cruciale di affermazione del mondo moderno e che il simbolo del sacro Cuore sia apparso
sempre come il più caratteristico in tutti i movimenti di resistenza alle
correnti anticristiane della modernità.

Pio XII sottolinea che – nonostante l’importanza di Paray-le-Monial per il suo
sviluppo – l’origine della devozione è nella Scrittura.
E’ lo stesso Gesù
che per primo presenta il suo Cuore come fonte di ristoro e di pace: «Venite
a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. Prendete
il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete
ristoro per le vostre anime. Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico
leggero» (Mt 11,28-30).

In san Giovanni si legge come venne trafitto il Cuore di Cristo, l’uscita
da esso del sangue e dell’acqua e il particolarissimo significato simbolico che il
quarto evangelista attribuisce al fatto (Gv 19,33-37). Anche nell’Apocalisse Gesù
è presentato come un Agnello «ucciso», cioè «trafitto»
(cfr. Apoc 5,6; 1,7).

Detto questo le apparizioni a santa Margherita Maria conservano un’importanza
eccezionale
. Si dovrebbe anzi dire che nella storia della Chiesa nessun’altra
comunicazione divina – al di fuori della Bibbia – ha ricevuto tante approvazioni
e incoraggiamenti dal magistero della Chiesa come le rivelazioni del Cuore di Cristo
a Paray-le-Monial.

In esse sono particolarmente famose «le dodici promesse». Come nella
Bibbia, Dio lega il suo intervento a delle «promesse». Se l’Alleanza
in Gesù Cristo si è fatta definitiva, essa è tuttavia ancora
aperta nella storia, perché continuamente offerta alla libertà dell’uomo,
finché dura il tempo in cui si può meritare. Al «vero devoto»
del sacro Cuore, cioè a chi è ben convinto di essere, con i propri
peccati, colui che ha «trafitto» il Cuore di Gesù e, consapevole
del suo amore immenso, vive la propria vita nella prospettiva della riparazione,
queste promesse sono di nuovo offerte. E «Dio è fedele» (1 Cor
10,13). Eccole, secondo la prima antica lettura:


Le
dodici promesse


1. Darò
loro (alle persone devote del mio Cuore) tutte le grazie necessarie al loro stato.


2. Metterò la pace nelle loro famiglie.

3. Le consolerò in tutte le loro afflizioni.

4. Sarò il loro rifugio in vita e soprattutto nella loro morte.

5. Benedirò le loro imprese.

6. I peccatori troveranno misericordia.

7. I tiepidi diventeranno ferventi.

8. I ferventi saliranno presto a grande perfezione.

9. Benedirò il luogo dove l’immagine del mio Cuore sarà esposta e onorata.
10. Darò loro le grazie di toccare i cuori più duri.

11. Le persone che propagano questa devozione avranno il loro nome scritto nel mio
Cuore e non sarà mai cancellato.

12. Io prometto nell’eccesso grande di misericordia del mio Cuore che il suo amore
onnipotente accorderà a tutti coloro che si comunicheranno il primo venerdì
del mese, per nove mesi consecutivi, la grazia della penitenza finale e non morranno
in mia disgrazia né senza ricevere i sacramenti e il mio Cuore sarà
per essi un asilo sicuro negli ultimi momenti.


Per
saperne di più sulle promesse del Sacro Cuore, puoi consultare

Che
cosa ha chiesto e che cosa ha promesso Gesù a Paray-le-Monial